PIETER VAN BLOEMEN (attribuito)
(Anversa, 1657 – 1720)

  • Autore:  PIETER VAN BLOEMEN (attribuito) (Anversa, 1657 – 1720)

  • Tecnica: olio su tela cm 39 x 56

Pieter Van Bloemen compie il proprio apprendistato nella bottega di Simon van Douw (Anversa, ca 1630 – dopo 1677): pittore di battaglie e di cacce, quasi sicuramente si perfeziona studiando le opere di Philips Wouwerman, un caposcuola indiscusso di soggetti equestri. In effetti, fu soprannominato lo ‘Stendardo’ dalle drappelle o bandiere che spesso inseriva nei suoi quadri e raggiunse una particolare abilità nella rappresentazione di cavalli fermi o in movimento, facendone risaltare con sicure pennellate, dai caratteristici riflessi metallici, le anatomie, i mantelli e la vitalità. Queste sue capacità furono sfruttate anche nei soggetti di battaglia, per i quali non gli mancarono committenti sia a Roma, ove trascorse un ventennio a partire dall’inizio degli anni 70, e sia ad Anversa, dove fece ritorno nel 1694, aprendo una scuola di pittura.

Bibliografia di riferimento:

A. Busiri Vici, ‘Aggiunte per lo Stendardo’, in ‘Scritti d’arte’, Roma 1990, pp. 80-90

L. Salerno, ‘Pittori di paesaggio nel ‘600 a Roma’, Roma 1977-1978, p. 1

Richiedi Informazioni

Il tuo nome (richiesto)

La tua email (richiesto)

Oggetto

Il tuo messaggio

captcha

OPERE CORRELATE