DOMENICO CRESPI detto IL PASSIGNANO (attribuito)
(Tavarnelle Val di Pesa 1559 – Firenze 1638)

Dettagli

  • Autore: Domenico Crespi detto il Passignano  (attribuito)
    (Tavarnelle Val di Pesa 1559 – Firenze 1638)

  • Tecnica: Olio su Tela di cm 73 x 97

Il soprannome Passignano è dovuto alla frazione di Tavarnelle Val di Pesa in cui nacque, chiamata appunto Passignano.

Si formò artisticamente a Firenze con Giovanni Battista Naldini e Girolamo Macchietti. Andò a Roma nel 1580 e poi a Venezia tra il 1582 e il 1588, restando influenzato da alcune opere del Tintoretto Lavorò anche come assistente di Federico Zuccari dal 1575 al 1579 alla realizzazione degli affreschi della Cupola di Santa Maria del Fiore.

Il suo stile è simile a quello di Bernardino Poccetti, caratterizzato da un disegno netto e un colore vigoroso. Era famoso per la sua rapidità, ma oggi una considerevole parte del suo lavoro è andata perduta, soprattutto per quanto riguarda gli affreschi, proprio a causa della sua tecnica talvolta sbrigativa. Trasferitosi nel 1588 a Firenze realizzò gli affreschi della Traslazione e del Funerale di sant’Antonino Pierozzi per la cappella Salviati in San Marco, in cui sono conservate le spoglie del santo, la Cappella di San Giovanni Gualberto nella chiesa di Santa Trinità o la tela della Predica di San Giovanni Battista nella chiesa di San Michele Visdomini. Nel Duomo di Lucca è conservata una sua Natività, mentre a Pisa troviamo sue opere nella chiesa di San Frediano e nella chiesa di Santa Cristina. A Forlì, nell’Abbazia di San Mercuriale, è conservata una sua Madonna col Bambino tra san Mercuriale e san Girolamo. A Livorno realizzò alcune tele per il Duomo: Assunzione al cielo e, in collaborazione con un suo allievo, Madonna il gloria con alcuni Santi. Sempre a Livorno vi sono la Madonna della Misericordiae Gesù Crocifisso (1601), doni dei granduchi Ferdinando I de’ Medici e sua moglie Cristina di Lorena alla Venerabile Arciconfraternita della Misericordia di Livorno, allora da poco fondata.

Altre sue opere sono conservate agli Uffizi e in altri musei. Partecipò alla decorazione della Galleria di Casa Buonarroti a Firenze, dove dipinse quella che forse è la scena più famosa del ciclo dedicato alla memoria di Michelangelo Buonarroti: Michelangelo mostra a Pio IV il modellino di San Pietro.

Fu autore di famosi ritratti di Galileo e di Michelangelo.

Lavorò molto anche a Roma, sebbene il suo stile risulti abbastanza distaccato dalla corrente barocca che dominava allora nella capitale dello Stato Pontificio. Sue opere si trovano per esempio nella Basilica di San Pietro o in quella di Santa Maria Maggiore.

 

 

 

Richiedi Informazioni

Il tuo nome (richiesto)

La tua email (richiesto)

Oggetto

Il tuo messaggio

captcha

OPERE CORRELATE