ALESSIO DE MARCHIS (attribuito)
(Napoli, 1684 – Perugia, 1752)

  • Autore: ALESSIO DE MARCHIS (attribuito)(Napoli, 1684 – Perugia, 1752)

  • Tecnica: Olio su tela, cm 19 x 12

Il dipinto presenta la cifra stilistica di Alessio De Marchis, fatta di pennellate vibranti, pastose e rapide e le figurine, risolte a macchia. Altresì evidente è la formazione romana dell’autore e le suggestioni rosiane. Nell’opera in catalogo, la qualità è ancor più evidente grazie alla bella conservazione, che consente di cogliere la profondità prospettica dei paesaggi e la luminosità costruita con sapienti velature e passaggi cromatici.

La tela qui illustrata è quindi databile alla prima maturità, quando gli influssi della pittura romana di paesaggio, espressi tramite pennellate veloci e a macchia, si diluiscono attraverso un linguaggio settecentesco che De Marchis esprime con singolare personalità e accenni preromantici, sensibilità di gusto veneto e reminiscenze napoletane. E’ importante notare la qualità della stesura, veloce e densa, tuttavia capace di esprimere l’alta qualità gestuale dell’artista, che par riesumare in chiave settecentesca lo spirito di Salvator Rosa.

Richiedi Informazioni

Il tuo nome (richiesto)

La tua email (richiesto)

Oggetto

Il tuo messaggio

captcha

OPERE CORRELATE